IN PISTA NON SOLO CONTRO GLI AVVERSARI MA ANCHE CONTRO LA MALATTIA

Monte Carlo, 17 gennaio 2019 – I motori sono già caldi per l’inizio del Rallye di Monte Carlo, la gara che apre il Campionato del Mondo di Rally in programma dal 24 al 27 gennaio. Rachele Somaschini, reduce dal Monza Rally Show, è pronta per la sua prima gara di Mondiale WRC. 

Un 2019 all’insegna delle prime volte. In occasione dell’87esima edizione del Rallye di Monte Carlo, Rachele sarà infatti l’unica pilota  italiana a partecipare alla competizione, oltre che l’unica donna in gara assieme alla francese Lemonnier. 

«È un’emozione essere iscritti a questa gara del mondiale. Vedermi nell’elenco dei partecipanti a fianco di piloti che ho sempre visto in tv è un onore. Sarà sicuramente impegnativo e richiederà fatica fisica, ma non mi sono mai piaciute le cose semplici» racconta Rachele. «Abbiamo svolto i test su tutti i fondi possibili che potremmo trovare a Monte Carlo», continua, «Il meteo è sempre una variabile e non vogliamo farci trovare impreparati. Nei test ho provato per la prima volta le gomme chiodate e le termiche. Speriamo di riuscire a fare bene, il Palco di arrivo è sicuramente il nostro obiettivo».

84 gli equipaggi iscritti alla gara con 11 WRC Plus presenti ed un’ulteriore lieta notizia: ben 21 equipaggi italiani al via. Al suo fianco ritroviamo il fidato navigatore Sergio Marchetti, team manager della Plus Rally Academy – Hankook Competition.

Al volante della sua Citroen DS3 R3T della scuderia RS TEAM preparata da Sportec Engineering con il numero #62 sulle fiancate, Rachele porterà con sé i colori della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus della quale è testimonial essendo affetta dalla malattia sin dalla nascita: nell’area hospitality di GAP saranno disponibili le cartoline autografate ed il materiale informativo, mentre per effettuare donazioni a sostegno della ricerca sarà possibile farlo attraverso la Raccolta fondi sulla pagina ufficiale di Facebook di Rachele.

Grazie all’iniziativa #CorrerePerUnRespiro, nata da un’idea di Rachele in collaborazione con la Delegazione di Milano della Fondazione, anche al Rallye di Montecarlo l’obiettivo sarà quello di sensibilizzare e diffondere la conoscenza sulla fibrosi cistica e raccogliere fondi da destinare alla ricerca sulla malattia genetica grave più diffusa nel nostro Paese.

Il percorso sarà composto da 16 prove speciali e suddiviso in 4 blocchi geografici per altrettanti giorni di gara. Giovedì 24 partirà il classico appuntamento dello Shakedown a Gap. La conclusione, come da tradizione, è prevista domenica 27 sulle Alpi Marittime. Una sfida che promette alti livelli di adrenalina nella sfida, perché Rachele dovrà conciliare i ritmi incalzanti della competizione con le terapie che la fibrosi cistica impone.

Rachele Somaschini. Pilota milanese classe 1994, è una figura femminile, in un mondo prettamente maschile come quello del motorsport, una ragazza con un messaggio forte: la malattia non vincerà se si sostiene la Ricerca. Dopo l’esordio nel 2014 in Coppa Intereuropa a Monza, in equipaggio con papà Luca su una Alfa Romeo Giulietta Sprint, ha preso parte ad alcune cronoscalate nel 2015. La giovane pilota milanese trionfa nel 2016 in pista nel Mini Challenge e nel 2017 si laurea Campionessa Italiana Velocità Montagna.

Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica – Onlus (FFC) promuove, seleziona e finanzia progetti avanzati di ricerca per migliorare la durata e la qualità di vita dei malati e sconfiggere definitivamente la fibrosi cistica. Riconosciuta dal MIUR come ente promotore dell’attività di ricerca scientifica sulla malattia, si avvale di una rete di 900 ricercatori e del lavoro di oltre 140 Delegazioni e Gruppi di Sostegno. Sostiene attualmente il progetto di ricerca Task Force for Cystic Fibrosis, giunto alla fase preclinica e mirato ad una cura risolutiva della patologia.

UFFICIO STAMPA RACHELE SOMASCHINI
Francesca Fenaroli Mob. 348 499 8995
Emanuela Capitanio Mob. 347 431 9334
[email protected]
[email protected]