Rally di Roma Capitale amaro per Rachele Somaschini

Prima l’alternatore, poi la cinghia della pompa dell’acqua fermano la driver milanese dopo 10 prove speciali.  

Roma 22 Luglio 2018 – Arriva uno stop forzato al 6° Rally di Roma Capitale per Rachele Somashini e Lorena Boero. Dopo la decima prova speciale, l’equipaggio Plus Rally Academy, sulla Peugeot 208 R2 preparata da Miele Racing, è costretto ad alzare bandiera bianca a causa della rottura della cinghia della pompa dell’acqua. Una gara in salita per la giovane pilota milanese, portacolori della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica – Onlus. Dopo alcuni impedimenti nel corso della prova spettacolo di venerdì, nella giornata di sabato la driver di Cusano Milanino ha dimostrato di avere un buon passo nelle selettive prove capitoline, salvo poi dover rallentare nella PS7 e ritirarsi durante la PS8 “Pico Superstage” a causa di problemi all’alternatore che già si erano presentati nelle ultime prove speciali. Vettura riparata e di nuovo in gara domenica per due sole prove speciali, prima del ritiro definitivo. Esperienza comunque importante per la pilota Plus Rally Academy, team ufficiale ERTS Hankook Competition, che si è potuta confrontare con gli esperti equipaggi impegnati nel FIA European Rally Championship.  .

“C’è grande rammarico e delusione per questo ritiro – ha commentato Rachele Somaschini – Avevamo fatto un ottimo lavoro con le note durante  le ricognizioni e credevamo davvero di poter far bene. Purtroppo però in 220 chilometri di rally e può succedere di tutto e nel nostro caso la vettura non ci ha permesso di poter dire la nostra. Sono comunque contenta di quanto fatto nella giornata di sabato e della grande esperienza accumulata nel corso di questi giorni. Ci dispiace tanto perché il lavoro è stato davvero tantissimo ed avevamo un buon ritmo, fino al problema elettrico di sabato sera che ha precluso la nostra classifica. Devo ringraziare i ragazzi di Plus Rally Academy, Hankook Competition che hanno dato il massimo del supporto in tutte le situazioni, ma soprattutto Lorena che mi ha trasmesso grande fiducia sino all’ultimo metro. Non ci abbattiamo e siamo consapevoli che c’è ancora tanto lavoro da fare ma a settembre speriamo di poter chiudere al meglio la nostra stagione con la terra dell’Adriatico e l’asfalto del 2 Valli”.    

Ma se dal punto di vista sportivo, il 6° Rally di Roma Capitale non è sicuramente da ricordare, grande visibilità è stata data all’iniziativa #CorrerePerUnRespiro a sostegno della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica – Onlus. Sia nel corso della Prova Spettacolo del “Colosseo Quadrato”, sia nel parco assistenza di Fiuggi i volontari della Fondazione hanno potuto sensibilizzare sull’importanza della ricerca..

“Anche in questa occasione i volontari FFC hanno fatto qualcosa di speciale e il pubblico ha risposto, ancora una volta, con tanta attenzione. Vorrei ringraziare Marika ed i volontari delle Delegazioni di Roma per aver dedicato il loro tempo ad una grande opera di sensibilizzazione. Questa è la mia, la nostra, vittoria più bella. C’è sempre tanta strada da fare per arrivare al traguardo che per noi è quello di poter dire di aver sconfitto la malattia. Solo grazie alla ricerca scientifica questo risultato può essere raggiunto. Il Rally di Roma Capitale, per me, è stato quasi un regalo proprio perché in questo momento sarei dovuta essere in una stanza di ospedale, ricoverata per un mese. Ovviamente rimane la delusione per non aver raggiunto il traguardo, ma credo che l’essere qui, portando i colori della Fondazione, sia una delle cose più importanti per me e per tutte le persone affette da fibrosi cistica che possono avere una speranza in più grazie alla ricerca”.